TERREMOTI: gli incubi notturni del Capo della Protezione Civile, i sonni tranquilli delle classi dirigenti meridionali, l’urgente necessità di agire per mettere in sicurezza milioni di vite umane e il “PIANO CASA SICURA” del Governo

di Mario Pileggi (geologo e membro del consiglio nazionale Amici della Terra)

pubblicato su Il Quotidiano del Sud del 8/9/2016

I ben noti incubi notturni per il terremoto in Calabria e il Vesuvio del precedente capo della Protezione Civile Gabrielli, avrebbero dovuto stimolare le classi dirigenti meridionali ad unirsi e agire subito per prevenire e salvare vite umane dagli inevitabili futuri terremoti.

Unendosi si poteva e si può favorire la definizione di un Piano di interventi e attività necessari per salvare milioni di vite umane e mettere in sicurezza il territorio.

Un Piano di urgente necessità ma non ancora in agenda del Governo Renzi che, nei giorni scorsi, ha dichiarato di voler definire un “Piano Casa Italia” con vari interventi finalizzati, tra l’altro, al risanamento del dissesto idrogeologico del territorio.

Magnitudo 7

L'analisi della storia sismica del nostro paese rende evidente il rischio che si verifichino ricorrenti terremoti altamente distruttivi su tutto il nostro territorio.

In questo articolo pubblicato su L'Astrolabio nel 2012, analizzando tutti i terremoti di magnitudo superiore a 6,5 presenti nel catalogo sismico italiano che si sono verificati dall'anno 1000 al 1995, si poneva l'attenzione proprio al rischio a cui siamo sottoposti ed alla mancanza d'interventi adeguati e politiche di prevenzione efficaci.

Leggi l'articolo

In ricordo di Mario Signorino

di Monica Tommasi

Ho lavorato insieme a Mario per circa tre anni a partire dal 2011, nel progetto di rinascita del L'Astrolabio. Con Mario non era facile collaborare perché lui ti chiedeva il massimo, sempre. Quando si doveva chiudere il numero eravamo tutti in fibrillazione perché errori e sviste non erano tollerati. Da alcuni mesi non seguiva più L'Astrolabio ma è riuscito ad imprimere una parte del suo metodo rigoroso nel mio modo di lavorare e per questo devo ringraziarlo. Aveva una grande capacità di analisi, era come se riuscisse a vedere le cose da una posizione al di sopra della tua. Dopo una chiacchierata con Mario si intravedeva sempre la strada da percorrere. Un solo rammarico: di non avergli espresso la mia gratitudine con un abbraccio.

Mario ha lasciato un ricco patrimonio di idee e come presidente degli Amici della  Terra sento la responsabilità di gestirlo. Proprio quest'anno la nostra nuova tessera richiama un suo slogan significativo - ecologia è buongoverno- perché c'è sempre più bisogno di un ambientalismo razionale, evoluto e responsabile. 

Ci mancherà

È morto Mario Signorino

Messina 10 marzo 1938 – Roma 15 agosto 2016

marioAnalista ed esperto di strategie ambientali. Negli anni ’60, assistente alla cattedra di Storia moderna del prof. Rosario Romeo presso l’Università di Roma; direttore del settimanale di Ferruccio Parri “L’Astrolabio” dal 1967 al 1970; nel 1976-'77 direttore della rivista mensile “Prova radicale”. Fondatore nel 1977 - e a lungo presidente - degli Amici della Terra/Italia. Senatore radicale negli anni ’80. Ideatore ed estensore della legge 61/94 istitutiva del sistema delle agenzie per l’ambiente,  primo presidente dell’Agenzia nazionale per la protezione dell’ambiente, ed esperto della Commissione tecnico-scientifica del Ministero dell’ambiente. Negli ultimi anni ha dato vita ad un altro l'Astrolabio, nella forma di newsletter quindicinale on line degli Amici della Terra Italia, che si avvale di collaboratori scientifici ed esperti riconosciuti  con l’intento di mantenere un alto standard scientifico-tecnico e individuando, laddove possibile, scelte, priorità e soluzioni.

Su L'Astrolabio il ricordo di Gianfranco Spadaccia

  • testata sito 2 250

Tweet